Termine usato per indicare una persona che si identifica in due generi. L'identità di genere può essere stabile e la persona sente di appartenere a due generi contemporaneamente oppure l'identità di genere può essere fluida e la persona può sentirsi, per esempio, in alternanza, a volte donna e a volte uomo.

Aggettivo usato per indicare l’esistenza di due soli generi: maschio/femmina o uomo/donna.

La classificazione del genere nelle due tradizionali categorie maschile/femminile mutualmente esclusive.

Termine usato per indicare una persona attratta emotivamente e/o sessualmente sia da persone del proprio genere che da persone di un genere diverso.

Atteggiamento di sopraffazione fisica e/o verbale messo in atto sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere di una persona.