Buone pratiche per i professionisti

Sindacalisti, rappresentanti sindacali aziendali (RSU).

La scarsa presenza di attività specificamente dedicate alla tutela delle persone transgender in ambito sindacale rende necessaria una maggiore attenzione a questa tematica. A riguardo, studi effettuati hanno rilevato una scarsa conoscenza delle normative di tutela, anche da parte di coloro che sarebbero chiamati a prestare assistenza e sostegno alle vittime di discriminazione, rendendo di primaria importanza rafforzare le conoscenze sul tema e valorizzare il margine di azione che i sindacati potrebbero avere nel contrasto alle discriminazioni fondate sull’identità di genere.

  • Pubblicizzare le proprie attività di tutela a favore delle persone transgender discriminate sul lavoro, anche su siti, riviste e forum LGBT+.
  • Partecipare a eventi e iniziative per attestare la propria presenza quale “attore” forte nel contrasto alle discriminazioni fondate sull’identità di genere.
  • Sostenere i lavori discriminati quando agiscono in giudizio, così da valorizzare il proprio ruolo di ente che tutela i diritti di chiunque.
  • Realizzare attività formative per i propri collaboratori, di ogni livello, e/o rivolte ad aziende e datori di lavoro, sui temi legati all’identità di genere, così da innalzare non soltanto il livello di conoscenza, ma la sensazione di una presenza forte nel contrasto alle discriminazioni.
  • Sensibilizzare i datori di lavoro al fine di evitare azioni o pratiche discriminatorie basate sull’identità di genere.
  • Sensibilizzare i datori di lavoro nell’utilizzo di un linguaggio politicamente corretto, evitando un approccio “noi-loro” che riflette e perpetua discriminazioni.
Glossario

Glossario

Una raccolta dei termini più usati relativi all'identità di genere spiegati in maniera semplice.

Scopri quali

Partner

UNAR
Unione Europea
PON
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Infotrans è un progetto finanziato nell'ambito del PON Inclusione con il contributo del Fondo Sociale Europeo 2014-2020